Crea sito
On Air
. MusMea
Home
  • Home
  • AAA Cultura cercasi

AAA Cultura cercasi

22 marzo 2018 Aps MusMea


“C’è un teatro ad Augusta?” – “No”
“Cinema?” – “Idem”
“E il Castello anche…” – “E’ chiuso è chiuso”
“Lo stadio…” – “Chiuso chiuso chiuso è in pessime condizioni”
“Andiamo all’Hangar…” – “E’ inagibile”
“Il bagno non si può fare?” – “No”
“La piscina comunale deve essere…” – “Demolita”
“L’ospedale…” – “Soppresso”
“In questa situazione perchè lei si è candidata sindaco?” – “Dovevo essere pazza”

Ma i pazzi in giro per Augusta devono essere davvero tanti, sicuramente buona parte dei circa 36.000 abitanti che continuano a vivere in un Paese dove manca tutto grazie alle razzie che da decenni vengono perpetrate nel territorio.
Nulla oggi rimane di ciò che Giuseppe Tomasi Di Lampedusa descriveva come terra meravigliosa e del regale feudo che Federico II scelse di fondare accanto alle rovine di uno dei primi insediamenti greci in Sicilia, se non un disarmante senso di negatività e passività, quasi ben interpretato dal Primo Cittadino augustano in quel, ormai ben noto, servizio di Fuori Roma su Augusta.
Nulla oggi rimane se non una più volte sopita voglia di riscatto.

Se ben notate sette delle otto domande su riportate fanno riferimento ad attività collettive che hanno la finalità di incentivare la comunità ad usufruire di spazi sociali, culturali e sportivi, cioè quegli spazi che da sempre hanno la funzione di creare momenti di civile aggregazione, di crescita e di rispetto del territorio. Ma di questi spazi su Augusta nemmeno l’ombra vuole proittarsi.

E pure, sono molte le associazioni culturali, di volontariato e sportive, collettivi sociali e movimenti di difesa del territorio presenti ad Augusta, tutti impegnati, se pur rinchiusi all’interno di un sistema che poco li agevola, a portare avanti in modo autonomo le proprie lotte contro la disgregazione sociale.
Fin quando queste forze riusciranno a sopravvivere, un barlume di speranza sarà protetto negli angoli bui di questa città. Ma il tempo corrode sempre più velocemente.

Siamo stanchi di tutta questa negatività subordinata alla volontà di Enti superiori, stanchi di sentir dire che il Comune non ha soldi, che deve risanare il debito. Stanchi di vedere Città vicine intraprendere azioni progettuali concrete per ottenere finanziamenti da destinare ad attività collettive, stanchi di leggere che non si è fatto nulla per partecipare mentre attività come la nostra sono vicine al collasso e altre han già dovuto chiudere. Non vogliamo elemosinare nulla, vogliamo semplicemente le opportunità che hanno tutti gli altri Paesi.
Da settimane condividiamo un bando che rientra nelle opportunità di finanziamento PO Fesr Sicilia 2014-2020. Si tratta dell’Azione 9.6.6 che l’Assesorato della Famiglia, delle politiche sociale e del lavoro della Regione Sicilia ha redatto per 35 Amministrazioni comunali. Tra quelle indivuate come Beneficiarie c’è pure AUGUSTA.
Il bando è finalizzato ad “Interventi di recupero funzionale e riuso di vecchi immobili di proprietà pubblica in collegamento con attività di animazione sociale e partecipazione collettiva, inclusi interventi per il riuso e la rifunzionalizzazione dei beni confiscati alle mafie”, per un finanziamento massimo di ben 600.000 euro.

Scegliere uno dei tanti luoghi di proprietà del Comune che potrebbe esserne interessato non deve essere difficile, uno su tutti L’Ex Convento di San Domenico ad esempio, già in buona parte ristrutturato, al centro della città, dove potrebbero trovare case tutte le associazioni augustane, dove queste potrebbero creare una vera rete d’azione sociale basata su quel mutuo appoggio che Petr Kropotkin definisce fattore dell’evoluzione.
Un centro polivalente dove realizzare manifestazioni ed incontri, dove le associazioni possono investire il loro autofinanziamento per creare e non per sopravvivere mese dopo mese. Così come ad esempio si potrebbe investire su impianti sportivi, altri luoghi deputati alla crescita sociale.

Non è il primo anno che questo bando viene istituito, ma oggi, ancor più di ieri, abbiamo bisogno di fatti concreti, anche soltanto di sentir dire ” ci abbiamo provato”.
La scadenza è fissata al 23 maggio 2018, in seno alla tanta proclamata trasparenza professata vorremmo sentir dire all’Amministrazione che è stata intrepresa una azione di partecipazione.

Fa rabbia non leggere Augusta nella graduatoria provvisoria. Fa rabbia leggere tanti post e commenti di augustani contro augustani, tra chi rimane e chi va via, tra chi amministra e chi è amministrato, per una volta possiamo cercare di riunire tutte le forze attive nel territorio.
Da parte nostra siamo disposti ad offrire tutto l’appoggio possibile, così come credo anche tutte le altre associazioni augustane se interpellate.

Gianluigi Cavallaro
Presidente
Associazione di Promozione Sociale MusMea

Link utili
Avvisi PO FSE FESR 2014-2020
Bando
Aggiornamento bando
Graduatoria Provvisoria
Incentivisicilia.it

Fuori Roma – Servizio su Augusta

Comments

comments